ADSL Wireless  

   ADSL Wireless  

La banda larga del futuro è già in Piemonte



Home         Copertura       Tariffe privati         Tariffe aziende         Tecnologia         HDSL vs ADSL         Forum         Contatti



Contrassegno elettronico

La rivoluzione digitale coinvolge anche il mondo assicurativo, infatti dal 2014 non avremo più il tagliando cartaceo esposto obbligatoriamente, ma un chip elettronico volto ad evitare le sempre più frequenti truffe nel mondo dell'RC auto, limitando il numero in circolazione di veicoli sprovvisti di assicurazione, che ad oggi, sembra aggirarsi intorno a 3,5 milioni.
Nel 2014 quindi, al momento della sottoscrizione della polizza verrà rilasciata una scheda con microchip che avrà in memoria il contenuto, quindi i dati completi di auto e assicurato, verrà consegnato anche un dispositivo elettronico per leggerla. Il microchip dovrà poi essere inserito nel terminale installato a bordo vettura e comunicherà in tempo reale, via radio, con l'Assicurazione che l'ha rilasciato, che potrà così anche verificarne eventuali anomalie.
La verifica della validità della scheda potrà essere rilevata anche da tutor, autovelox, telecamere zona ZTL, e da tutti i dispositivi preposti preposti al controllo del traffico a distanza.
Ne nasce però un problema concreto di gestione dati, infatti sul tagliando cartaceo vi sono indicate solo targa, compagnia assicurativa e data di scadenza, nella scheda elettronica quindi tutti i dati eccedenti queste informazioni dovranno essere criptati o comunque protetti poichè eccedenti.
Altro problema, sempre creato dalla legge sulla privacy, consiste nella registrazione, gestione e conservazione di questi dati; occorrerà che si provveda a proteggere i dati da tutti i possibili rischi, quali perdita, distruzione, accesso non autorizzato o utilizzo non conforme alle norme.
In ultimo, ma non per questo meno importante, il rilevamento dei dati dalle tecnologie destinate al rilevamento del traffico crea una questione di notevole importanza: se autovelox e telecamere ZTL rilevano i dati solo in caso di effrazione, i tutor li registrano sempre, al solo passaggio, permettendo così una localizzazione del mezzo, che non solo viola la privacy del privato, ma nel caso di veicoli aziendali viola la legge per la quale il datore di lavoro non può controllare il dipendente a distanza.
C'è da sperare che da oggi al 2014 le Autorità preposte alla realizzazione di questa parte della digitalizzazione provvedano in modo chiaro e univoco ad emanare tutte le norme necessarie alla protezione dei dati dell'assicurato..



Attiva la tua adsl senza fili a partire da 24€ al mese